GIVE MORE WITH LESS


Donare molto, con poco.
Anche, quando non si hanno le possibilità economiche, aiutare chi è rimasto indietro, si può.
Basta rinunciare a parte del proprio tempo libero, per dedicarsi agli altri.
Il vero lusso oggi è quello. Il  tempo libero .
Un bene prezioso.
Per molti vale più del denaro.
La parola d’ordine è condivisione.
Mettere a disposizione di chi è meno fortunato
la propria felicità,
il proprio tempo,
le proprie capacità.
Ciascuno di noi sa fare qualcosa che può essere d’aiuto agli altri.
Cosi, nella mia seconda vita ho scelto di lasciare il mio lavoro di inviato speciale e il mio posto fisso in Rai al TG1 e dedicare ancora più tempo alle mie passioni, tra le quali c’è quella di mettermi a disposizione di chi ha bisogno del mio aiuto.
Ho scelto di condividere le mie capacità, la mia rete di conoscenze, il mio tempo.

Come volontaria, senza alcun tornaconto economico.
Milioni di persone nel mondo fanno la mia scelta.
Che non ha nulla di speciale, intendiamoci.
Mi sono semplicemnete unita a loro e con un gruppo di amici abbiamo fondato Riscatti, una piccola associazione che utilizza le immagini, la fotografia, come terapia  per raccontare un disagio, un dolore, un momento  anche trasitorio di difficoltà.
Abbiamo lavorato con i senza fissa dimora e adulti in difficoltà, con gli immigrati e gli adolescenti malati di cancro. Siamo stati due mesi ad Amatrice per fare un corso di fotografia a giovani sopravvissuti al terremoto. L’ultimo progetto l’abbiamo realizzato con vittime di bullismo in cura alla Casa pediatrica del Fatebenefratelli. Al termine di ogni progetto Riscatti realizza da 5 anni una grande mostra al PAC Padiglione d’arte contemporanea di Milano con le fotografie scattate da queste persone che vivono in qualche modo un disagio e lo raccontano attraverso uno storytelling iconografico,
Se volete donare qualche ora del vostro tempo, unitevi a noi.
Vi aspetto.