💥THE BEST IS YET TO COME!💥 – 2 days to a new adventure in my long cotton handprinted #dressmorewithless Khali dress. I’m living to produce the new #aw1920 collection! #keepintouch #staytuned Ultimi pezzi della collezione estiva, come questo comodissimo Khali dress in cotone stampato a mano con l’antica tecnica indiana blockprint. E poi, anche questa collezione è sold out. Mi dispiace non potervi accontentare tutte, le richieste che ricevo sono tantissime, ma la ricetta #dressmorewithless è sempre le stessa: tanta ricerca di tessuti ed artigiani in giro per il mondo, una piccola produzione di pezzi unici, uno diverso dall’altro realizzati prevalentemente in collaborazione con cooperative di artigiane tessitrici e ricamatrici di diversi Paesi del mondo. Rimanenze, zero. Perchè a me la rimanenza sa di spreco. Dove finiscono le tonnellate di abiti estivi che vedete ancora appesi nei negozi a fine stagione che giá vendono i’invernale? Si produce troppo. Molto di più di quello che nel mercato mondiale poi viene acquistato e smaltito. E tutto questo ha costi ambientali e umani altissimi. Ci riflettevo ieri in chat con @m.baus , che non conosco personalmente, è una nuova cliente e come spesso accade con voi nascono confronti interessanti e stimolanti. Perchè siete attente e curiose. Stiamo diventando una piccola community. Di donne consapevoli di ció che acquistano, interessate alla manualità, a come nasce il capo che indossano e alla storia di chi l’ha prodotto e che va pagato congruamente, per il suo prezioso lavoro. E questo è pura bellezza. Grazie a tutte voi ❤️🙏

Federica Balestrieri

💥THE BEST IS YET TO COME!💥
– 2 days to a new adventure in my long cotton handprinted #dressmorewithless Khali dress.  I’m living to produce the new #aw1920 collection! 
#keepintouch 
#staytuned 
Ultimi pezzi della collezione estiva, come questo comodissimo Khali dress in cotone stampato a mano con l’antica tecnica indiana blockprint. E poi, anche questa collezione è sold out. 
Mi dispiace non potervi accontentare tutte, le richieste che ricevo sono tantissime, ma la ricetta #dressmorewithless è sempre le stessa: tanta ricerca di tessuti ed artigiani in giro per il mondo, una piccola produzione di pezzi unici, uno diverso dall’altro realizzati prevalentemente in collaborazione con cooperative di artigiane tessitrici e ricamatrici di diversi Paesi del mondo. Rimanenze, zero.  Perchè a me la rimanenza sa di spreco. Dove finiscono le tonnellate di abiti estivi che vedete ancora appesi nei negozi a fine stagione che giá vendono i’invernale? Si produce troppo. Molto di più di quello che nel mercato mondiale poi viene acquistato e smaltito. E tutto questo ha costi ambientali e umani altissimi. Ci riflettevo ieri in chat con @m.baus , che non conosco personalmente, è una nuova cliente e come spesso accade con voi nascono confronti interessanti e stimolanti. 
Perchè siete attente e curiose.
Stiamo diventando una piccola community. Di donne consapevoli di ció che acquistano, interessate alla manualità, a come nasce il capo che indossano e alla storia di chi l’ha prodotto e che va pagato congruamente, per il suo prezioso lavoro.
E questo è pura bellezza.
Grazie a tutte voi ❤️🙏

Instagram filter used: Normal

View in Instagram ⇒